Giornale Tablò

Il giornale della Campania

Giornale Tablò – Il giornale della Campania

“Riprendiamoci la piazza”

«La piazza siamo noi», lo hanno gridato festosi ma decisi in centinaia e non una sola volta, Venerdì sera ad Acerra. Ore 17 tutti in piazza Falcone e Borsellino: studenti, docenti, preside e genitori. Tutti insieme e felici davanti alla loro scuola vandalizzata per ben tre volte in poco tempo da quei sette o otto ragazzini che approfittando del buio che avvolge lo spazio antistante si sono intrufolati per il solo gusto di danneggiare e dileguarsi al primo suono delle sirene delle forze dell’ordine accorse sul posto. A chiamare a raccolta alunni, genitori e professori è stata la preside della scuola media “Gaetano Caporale”, Rosa Esca. E con lei tutti i docenti, l’intero consiglio d’istituto e i genitori, stanchi di tenere tappati in casa i propri i figli perché non c’è abbastanza sicurezza nelle strade deserte e poco illuminate. Ed è così che al flash mob dell’altra sera hanno partecipato in centinaia. All’appello hanno risposto anche il sindaco Tito D’Errico, l’assessore alle politiche scolastiche Milena Petrella e la deputata pentastellata Carmela Auriemma. «Non vogliamo subire impotenti i raid, ci siamo detti, ed allora dobbiamo essere pronti a riappropriarci della piazza perché le forze dell’ordine non possono presidiarla 24 ore su 24. Quindi siamo noi cittadini che dobbiamo riprenderci gli spazi, se vogliamo renderli vivibili e sicuri», racconta la preside Rosa Esca. Strano destino quella di piazza Falcone e Borsellino: per vent’anni è stato uno dei luoghi più frequentati dalla movida nonostante fosse aperta al traffico e fosse un semplice spiazzo davanti all’ex Pretura. È stata ristrutturata, abbellita, chiusa al traffico veicolare 10 anni fa e dalla fine della pandemia è diventata una buia terra di nessuno dove chi l’attraversa lo fa quasi sempre con una certa apprensione.
LA «LUCE»
Venerdi, 24 Febbraio, si è riempita per un paio d’ore come d’incanto: gli studenti hanno allestito ai quattro lati della piazza da altrettante band formate da suonatori di sassofoni, chitarre, violini e da una pattuglia di alunni che hanno dipinto su tela e su cartoni la loro idea di pace nel mondo. Addirittura tra la folla è comparso anche un tavolo da ping pong con tanto di torneo improvvisato. E poi balli, girotondi per dimostrare che quella piazza apparteneva a chi voleva essere felice di esserci. Enrico Ferrigno

Ti potrebbero interessare
In Evidenza

Terra dei Fuochi. Riunione interprovinciale ad Acerra

Rubriche

Non perderti nessuna notizia! Iscriviti alla newsletter settimanale di Giornale Tablò per ricevere tutte le news direttamente sulla tua casella di posta. NO SPAM!

Iscriviti alla newsletter di
Giornale Tablò per non perdere nessuna notizia

Ricevi le notifiche sulla tua casella di posta quando un nuovo articolo viene pubblicato. NO SPAM!

Non invieremo in nessun caso SPAM e non divulgheremo il tuo indirizzo email con terze parti.