Giornale Tablò

Il giornale della Campania

Giornale Tablò – Il giornale della Campania

Salvaguardiamo Acerra dalle bombe d’acqua e dagli allagamenti!

I CAMBIAMENTI CLIMATICI, RESPONSABILI DELLE BOMBE D’ACQUA, STANNO METTENDO A DURA PROVA ANCHE CITTÀ CON ORGANIZZAZIONI ALL’AVANGUARDIA! FIGURIAMOCI SE…
Le bombe d’acqua, improvvise e in qualsiasi stagione, dovute soprattutto ai cambiamenti climatici, stanno mettendo a dura prova, per allagamenti, anche città e Regioni che, tecnicamente, per servizi e per organizzazione, sono all’avanguardia. Figuriamoci cosa potrebbe succedere in quelle città dove alcuni lavori di riqualificazione e strutturali, vengono fatti tanto per fare, sperperando semplicemente denaro pubblico. Ad Acerra, nell’era del decennio lettieriano, vengono realizzate opere pubbliche, sotto servizi, rete fognaria, costate fior di milioni, sbandierate ai sette venti come opere capaci di prevenire allagamenti di strade e quartieri, che hanno una certa storicità al fenomeno, sostenendo che fossero delle “Stupidaggini”, le cose che qualcuno sosteneva e sostiene ovvero che bisogna sempre effettuare la manutenzione continua dei tombini, la pulizia degli sbocchi dei lagni, la “disostruzione” e la rimozione di rifiuti e delle sterpaglie che ostruiscono i fossi stradali, a confine con i terreni.
E quindi, cosa succede? In quelle zone che storicamente si allagavano? Oggi, basta una fitta pioggia per rinvigorire la tradizione degli allagamenti, anzi c’è di più: al quartiere Sant’Anna/San Gioacchino, all’acqua si sono aggiunti gli escrementi umani delle fogne nere.
Adesso, in tanti dovrebbero dire: “É proprio vero, la STUPIDAGGINE non ha confini!”
Intanto, per chi non dovrebbe fare orecchie da mercante, ma rimboccarsi le maniche e fare lavori di prevenzione, in previsione di fenomeni atmosferici incontrollabili, è giusto fare oggi:

  • Pulizia e manutenzione dei tombini;
  • Rimozione di sterpaglie e rifiuti dai fossi, al confine dei terreni, lungo le strade di campagna e non solo;
  • Pulizia e rimozione di detriti e delle sterpaglie agli sbocchi dei lagni;
  • Pulizia dei letti dei lagni lungo il loro percorso, confidando anche nel lavoro del Consorzio del bacino inferiore del Volturno, sollecitato dai Sindaci!

Condividi articolo:

Ti potrebbero interessare
In Evidenza

Vicenda Pellini: una penosa guerra di tutti contro tutti!

Rubriche

Non perderti nessuna notizia! Iscriviti alla newsletter settimanale di Giornale Tablò per ricevere tutte le news direttamente sulla tua casella di posta. NO SPAM!

Iscriviti alla newsletter di
Giornale Tablò per non perdere nessuna notizia

Ricevi le notifiche sulla tua casella di posta quando un nuovo articolo viene pubblicato. NO SPAM!

Non invieremo in nessun caso SPAM e non divulgheremo il tuo indirizzo email con terze parti.