Giornale Tablò

Il giornale della Campania

Giornale Tablò – Il giornale della Campania

Sant’Egidio: Natale con i poveri

Anche quest’anno la Comunità di Sant’Egidio si riunisce a Napoli e in diversi luoghi della Campania per festeggiare il Natale.

Anziani soli, senza dimora, migranti, carcerati, bambini, disabili, rom, famiglie in difficoltà festeggeranno il Natale negli istituti, nelle carceri, nei campi rom e in alcune chiese. Italiani insieme a stranieri formeranno una famiglia più larga attorno alla quale stringersi. Per ognuno di loro ci sarà un posto a tavola, doni natalizi e il regalo più importante: la nostra amicizia.

Il 25 dicembre sono previsti diversi pranzi:

• a Napoli nella chiesa di San Pietro martire a largo con 200 poveri, dove parteciperà anche il Cardinale Sepe. Sempre a Napoli sono previsti pranzi per senza dimora e anziani nel Centro Storico nelle chiese dei Ss. Filippo e Giacomo e San Nicola al Nilo, mentre gli studenti della scuola di lingua e cultura italiana festeggeranno il Natale nella sede di San Nicola al Nilo.

• a San Giovanni a Teduccio nella sede della Comunità con disabili famiglie povere rom e stranieri.

• nella chiesa S. Maria Succurre Miseris ai Vergini con anziani soli, senza dimora e famiglie povere.

• ad Aversa si riuniranno anziani, migranti, senza dimora e famiglie povere.

• A Pozzuoli lo chef Gabriele Palma cucinerà per 40 senza fissa dimora nel Centro Caritas San Marco. Cene itineranti per i senza dimora le sere della vigilia di Natale e di Capodanno. Pranzo della Vigilia a Scampia il 24 dicembre nella chiesa dei Padri Missionari della Divina Redenzione. Ancora sono previste durante le festività

• Feste nei campi rom.

• Pranzi e feste con i bambini delle scuole della pace nel Centro Storico, Ai Quartieri Spagnoli, alla Sanità, a Scampia, San Giovanni a Teduccio e Aversa.

• Feste e pranzi nelle Rsa e negli istituti per anziani a Benevento, Salerno, Casoria, Villaricca, al Vomero, al Centro Storico, Ponticelli, Posillipo e Scampia.

• Cene itineranti per i senza fissa dimora nelle sere del 24 e 31 dicembre e

• Distribuzione delle calze al Dormitorio Pubblico il 6 gennaio.

• Pranzi e feste con i migranti.

• Pranzi nelle carceri a Poggioreale(2), Secongigliano(3), Pozzuoli, Santa Maria Capuavetere, Benevento, Arienzo, Pozzuoli con oltre 700 detenuti. Il 21 dicembre a Poggioreale ore 13 è possibile accedere alla Stampa. In un tempo in cui aumentano povertà e solitudine, oltre 6000 poveri saranno coinvolti nei pranzi di Natale, nelle feste e nelle distribuzioni per strada. L’invito al Pranzo dà dignità a chi lo riceve: tutti sono chiamati per nome. E’ il segno di un’amicizia che dura tutto l’anno: tante visite che trasformano le giornate di chi vive in carcere, di chi è ricoverato in ospedale, in istituto o soffre di solitudine. Tanti anche i volontari che da vari luoghi della Campania parteciperanno alle iniziative messe in campo durante il periodo natalizio. Il Natale è una festa che porta luce e che porta gioia. Una luce che illumina tanti luoghi bui dell’esistenza umana, tanti luoghi di dolore. Il Natale è anche la festa della generosità, aggiungiamo un posto a tavola nei grandi pranzi ma aggiungiamo un posto per tutti nel nostro cuore.

Condividi articolo:

Ti potrebbero interessare
In Evidenza

Terra dei Fuochi. Riunione interprovinciale ad Acerra

Rubriche

Non perderti nessuna notizia! Iscriviti alla newsletter settimanale di Giornale Tablò per ricevere tutte le news direttamente sulla tua casella di posta. NO SPAM!

Iscriviti alla newsletter di
Giornale Tablò per non perdere nessuna notizia

Ricevi le notifiche sulla tua casella di posta quando un nuovo articolo viene pubblicato. NO SPAM!

Non invieremo in nessun caso SPAM e non divulgheremo il tuo indirizzo email con terze parti.