Giornale Tablò

Il giornale della Campania

Giornale Tablò – Il giornale della Campania

Stamattina al risveglio abbiamo trovato una città diversa: “a misura d’uomo!“

In questo scritto, vorremmo sognare ad occhi aperti: Oggi Primo Aprile!
Stamattina mi son svegliato e ho trovato la mia città rinomata e proiettata al futuro: il centro storico ricco di botteghe artigianali e souvenir della nostra città, con i Pulcinella, padroni di casa, che facevano orgogliosamente da strilloni e da ciceroni, invitando locali e turisti a comprare i prodotti artigianali, le nostre dolcissime specialità culinarie e i nostri liquori di antiche ricette erboristiche per la digestione.
Le Piazze principali della mia amatissima città, ristrutturate e restituite agli occhi di tutti, al loro antico splendore storico/architettonico.
Gli istituti scolastici trasformati in college: ampi spazi per la didattica, per lo sport, per le competenze artigianali, linguistiche e tecnologiche.
Aree verdi cittadine curate, spazi per giochi sportivi, cani al guinzaglio, con padroni scrupolosi nel raccogliere le deiezioni ed a spruzzare disinfettante sulla pipì dei nostri amici a quattro zampe.
Rete idrica rifatta, alla faccia di quelle reti idriche colabrodo, che disperdono il liquido prezioso nel resto d’Italia.
Sistema fognario rifatto e pompe di sollevamento funzionanti, per evitare gli allagamenti che da sempre hanno caratterizzato molte strade e corsi della città.
Presenza costante di agenti per Acerra: la sicurezza non è più un optional.
La passeggiata dalla Pretura al Parco Gravina, molto più affollata degli anni 80/90/00.
Il PUC approvato, ha reso la città oltremodo vivibile ed ha regalato una splendida ripresa: Sociale/ Economica/ Culturale.
L’inquinamento è solo un lontano ricordo, la bonifica fatta scrupolosamente, ha reso finalmente salubre il nostro territorio, che è stato rivoltato come un calzino.
Le industrie inquinanti e le aziende di trattamento di rifiuti speciali hanno abbandonato il territorio.
Finalmente è nato il Polo di eccellenza sanitario, per ridare serenità ad una comunità che negli anni addietro era stata solo maltrattata.
Strade con traffico scorrevole, pulmini elettrici per spostarsi da una parte all’altra della città, uno stadio per la prima squadra e tanti Arcoleo per le squadre giovanili.
La gente è ritornata a parlare e a socializzare, dando definitivamente “un calcio” agli amanti di quel divisionismo che ha fatto “grande” qualcuno.
Tutto questo, grazie a quei politici che, anziche pensare alle prossime elezioni, hanno pensato alle future generazioni.
“Scusateci, amiamo talmente la nostra città che spesso sogniamo anche ad occhi aperti!”
OGGI: PRIMO APRILE 2024

Tags

Condividi articolo:

Ti potrebbero interessare
In Evidenza

Vicenda Pellini: una penosa guerra di tutti contro tutti!

Rubriche

Non perderti nessuna notizia! Iscriviti alla newsletter settimanale di Giornale Tablò per ricevere tutte le news direttamente sulla tua casella di posta. NO SPAM!

Iscriviti alla newsletter di
Giornale Tablò per non perdere nessuna notizia

Ricevi le notifiche sulla tua casella di posta quando un nuovo articolo viene pubblicato. NO SPAM!

Non invieremo in nessun caso SPAM e non divulgheremo il tuo indirizzo email con terze parti.