Giornale Tablò

Il giornale della Campania

Giornale Tablò – Il giornale della Campania

Una Giunta senza spina dorsale e senza dignità…

Pasquale D’Antò: «Bisognerebbe cominciare da capo. I poteri che ha il sindaco, il fatto che sia addirittura retribuito, credo che sia la parte essenziale del rapporto con la città. Se la compagine non risponde a quelle che sono le aspettative della città, probabilmente perché pagata, dovrebbe essere licenziata». (Tablò Maggio 2013- in edicola)
In un clima sociale drammatico, dove regna l’antipolitica, i grillini e la lotta alla casta, è facile soffiare sul fuoco della demagogia.
Le parole pesanti e forti di uno degli esponenti più autentici della tradizione democristiana ad Acerra, di ferma e convinta cultura moderata, sono, proprio per questa indiscussa identità e storia, frutto di un’analisi cruda della realtà che governa Acerra da un anno, una fredda fotografia.
In questo giudizio freddo e severo non c’è alcun pregiudizio. Il quadro di governo, infatti, è stato voluto e sostenuto da chi lo ha espresso.
È difficile contrastare le ragioni che ne sono alla base. Questa Giunta non esplica alcuna funzione di governo. È un mero organo di ratifica della volontà di due persone. Una inconsistenza e una inadeguatezza che questa città non ha mai registrato. Una Giunta senza spina dorsale e senza dignità, umiliata sistematicamente. Assessori che gestiscono fondamentali attività e servizi comunali incapaci di proporre una delibera, assumere iniziative istituzionali a difesa degli interessi della città, capire cosa gli succede intorno.
È una mortificazione senza appello, a cui si aggiunge una delle pagine più indifendibili della storia democratica della città: il Presidente del Consiglio Comunale.
Avere tutte queste persone a fare da corredo ha un costo enorme.
Acerra – ogni minuto – ha la necessità di avere un’istituzione locale autorevole, credibile, operosa.
Acerra – ogni minuto – ha il bisogno di comprendere che i costi di questi signori hanno una seppur minima giustificazione, perché costano e costano parecchio alle tasche dei cittadini.
Sindaco: 3346.64 euro al mese.
Vice Sindaco: 1255 euro al mese.
Gli assessori Angelico, Falco, Marzullo 1004 euro al mese.
Gli assessori D’Iorio e la Regina 2008 euro al mese a cui si aggiungono i costi dell’indennità del Presidente del Consiglio Comunale.
Se la matematica non è un’opinione e non lo è, in un anno costano alle casse comunali e quindi al portafoglio degli acerrani circa 170 mila euro.
Ci fosse almeno una ragione, un perché!

Condividi articolo:

Ti potrebbero interessare
In Evidenza

Terra dei Fuochi. Riunione interprovinciale ad Acerra

Rubriche

Non perderti nessuna notizia! Iscriviti alla newsletter settimanale di Giornale Tablò per ricevere tutte le news direttamente sulla tua casella di posta. NO SPAM!

Iscriviti alla newsletter di
Giornale Tablò per non perdere nessuna notizia

Ricevi le notifiche sulla tua casella di posta quando un nuovo articolo viene pubblicato. NO SPAM!

Non invieremo in nessun caso SPAM e non divulgheremo il tuo indirizzo email con terze parti.