Giornale Tablò

Il giornale della Campania

Giornale Tablò – Il giornale della Campania

All’ombra di un freddo ed ordinario Natale, gli acerrani, per chi ha ancora la fortuna di avere uno stipendio, hanno trascorso queste feste, facendo miracoli per arrivare a fine mese, garantendo da mangiare alle famiglie, pagando bollette, affitti di casa, assicurando ausili didattici ai figli e il pagamento del ticket per la mensa a scuola. Insomma, la befana ad Acerra è veramente venuta di notte con le scarpe tutte rotte. Cieca e sorda a queste necessità, l’amministrazione comunale, da parte sua, invece di predisporre un bilancio di buon auspicio per l’economia locale, per le famiglie, al contrario ha pensato a come fare cassa, aumentando l’Imu, l’irpef, e decidendo di dare in concessione, per poche centinaia di euro, intere strutture comunali, sottraendole alla libera fruizione cittadina.  Ma, contrariamente all’austerity imposta ai cittadini, per se stessa si dà a spese folli, cambia  la macchina blu per il sindaco e dà in dotazione al presidente del consiglio comunale, un computer di grandi qualità tecniche, visto il costo di cinquemila euro, mentre sula casa comunale aleggiano ombre sui concorsi e sulla nomina di presidenti di commissioni.

Un comportamento questo, alquanto paradossale e contraddittorio.

 Se fosse un’amministrazione alle prime armi, verrebbe da chiedere: cosa vuoi fare da grande? Ma novellina non è, e quindi viene da chiedere: quando deciderai cosa fare? Visto anche che da  quando si è insediata,  comunque non ha adottato nessun provvedimento  apprezzabile e il paese è completamente abbandonato a se stesso e trascurato; quello che dà la chiara visione di questa trascuratezza, ad esempio, è lo stato del civico cimitero, dove si è ben presto dimenticato, quello che sosteneva il grande Totò, ovvero che la morte fosse una livella che cancella tutte le differenze che esistono nel mondo dei vivi; ad Acerra invece, esistono ancora  morti di serie A e quelli di serie B, visto che nel nuovo cimitero ci sono lavori in corso e di abbellimento, mentre tutto il  resto  è assolutamente squallido, data la cattiva manutenzione e le infiltrazioni d’acqua sulle pareti dei loculi, dove passa anche la corrente elettrica per le lampade votive. Se i morti potessero parlare…….

Acerra potrebbe essere raffigurata come una persona sciatta, senza vigore, senza vita. Ma questo non occorre nemmeno raccontarlo, perchè è sotto gli occhi di tutti, la contraddittorietà e  l’inerzia di questa amministrazione. 

Carmela Bianco

Condividi articolo:

Ti potrebbero interessare
In Evidenza

Terra dei Fuochi. Riunione interprovinciale ad Acerra

Rubriche

Non perderti nessuna notizia! Iscriviti alla newsletter settimanale di Giornale Tablò per ricevere tutte le news direttamente sulla tua casella di posta. NO SPAM!

Iscriviti alla newsletter di
Giornale Tablò per non perdere nessuna notizia

Ricevi le notifiche sulla tua casella di posta quando un nuovo articolo viene pubblicato. NO SPAM!

Non invieremo in nessun caso SPAM e non divulgheremo il tuo indirizzo email con terze parti.